Archivi tag: rassegna

Un libro al tramonto, il ritorno

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni

Lago Filmfest, edizione 2017

Dal 21 al 29 luglio
torna per il tredicesimo anno consecutivo Lago Film Fest,
il festival di cinema indipendente e arte contemporanea che ha saputo trasformare il piccolo borgo di Lago – comune di Revine Lago, in provincia di Treviso – nella
cittadella del cinema più importante d’Italia
e vista dall’Europa come un modello da imitare.

La nuova edizione è stata presentata alla stampa questa mattina, giovedì 29 giugno,
in conferenza alla presenza dell’Assessore al Turismo della Regione Veneto, Federico Caner, di Michela Coan, Sindaco di Revine Lago e che ha visto l’intervento di Viviana Carlet e Carlo Migotto, rispettivamente direttore artistico e direttore generale di LFF.

Al ricca
selezione di film in concorso,
selezionati tra i più di tremila film provenienti da ottantasei paesi del mondo, si aggiungono un palinsesto di performance di
danza contemporanea
(ormai un vero e proprio festival nel festival), le proiezioni speciali
e i focus tematici (spicca quello dedicato al cinema canadese); e inoltre il cartellone di
concerti, i laboratori
per adulti e bambini,
gli incontri e le
degustazioni. Nove giorni
molto intensi con un programma che inizia al mattino con gli incontri con l’autore, prosegue al pomeriggio con i laboratori e gli incontri, per sfociare poi la sera (dalle ore 21:OO) con le proiezioni e i concerti.
Commenta
Viviana Carlet, direttrice
artistica e fondatrice del festival: “La chiave del successo del festival è il livello artistico molto alto
dei contenuti proposti, frutto di un anno di ricerca, unito alle location suggestive
del centro storico di Revine Lago che rende il festival un’esperienza unica, capace di attrarre un pubblico eterogeneo”. Continua la Carlet: “Il festival è cresciuto, cambiato e maturato ma il sogno resta quello delle origini: ho immaginato
la gente del mio paese portare fuori le sedie di casa e scendere in cortile o giù fino in riva al lago per vedere
qualcosa di nuovo, qualcosa che qui non si era mai visto prima – un cinema sotto le stelle”.
Carlo Migotto,
direttore generale del Lago Film Fest, commenta: “Paesaggio, interazione, contaminazione e comunità. Sono le parole chiave che riassumono il processo creativo che sta alle spalle del festival”.

L’appuntamento a Revine Lago, dal 21 al 29 luglio 2017.

Il regista rivelazione dell’anno, il creatore
di animazioni finlandese e il nuovo volto di NEMO, trasmissione di Rai Due: ecco la giuria della tredicesima edizione.
Non poteva mancare una giuria internazionale d’eccezione, avrà l’arduo compito di
premiare i migliori film in competizione. Quest’anno composta dal regista italiano Alessandro Aronadio,
autore di Orecchie
presentato in anteprima mondiale alla
73a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nell’ambito di Biennale College; il videomaker franco-svedese
Maximilien Van
Aertryck
trionfatore della sezione sperimentale
Nuovi Segni nella
scorsa edizione di Lago Film Fest e l’animatore finlandese Joni Mannisto.
Ultimi ma non per importanza, l’attrice e conduttrice televisiva di
Nemo-nessuno escluso
(Rai Due)
Selenia Orzella e il
regista Fabio Masi,
autore del film- documentario Il Decalogo di Vasco.
Madrina d’eccezione di questa tredicesima edizione sarà l’attrice italiana
Silvia D’Amico (Orecchie,
Non essere cattivo e
Squadra Antimafia)
che torna a Lago dopo aver fatto parte della giuria internazionale di LFF XII.
Alla giuria internazionale si aggiunge come ogni anno la
giuria popolare (è possibile
iscriversi attraverso il sito del festival) che assegnerà il premio del pubblico, e la giuria dei bambini
che assegnerà invece il premio UNICEF.

Per scoprire in anteprima tutte le novità della prossima
edizione scarica la cartella stampa completa su http://www.lagofest.org/press
A breve verrà pubblicato sul nostro sito il
programma integrale.

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni, News, segnalazioni, recensioni, etc.

Il teatro sull’acqua è al via

IL TEATRO SULL’ACQUA
Incontri internazionali di teatro e parola del Lago Maggiore
Dal 10 al 14 settembre 2014
Arona/Ascona

“Ci sentiamo orgogliosi di proporre un festival internazionale di teatro e parola che formi il pubblico ad una grande arte legate al sapere parlare, al sapere analizzare la realtà, al sapere approfondire la memoria, al sapere discutere sui grandi temi del sociale.”
(Dacia Maraini, direttore artistico)

Dacia Maraini, Bakunin, Corrado Augias, Gian Antonio Stella, Walter Veltroni, Lidia Ravera, Silvia Avallone, Paolo di Paolo sono solo alcuni dei protagonisti della quarta edizione del festival italo-svizzero IL TEATRO SULL’ACQUA, che si terrà ad Arona, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, e Ascona, nel Canton Ticino, dal 10 al 14 settembre.

Se Locarno è il cinema, Stresa la musica classica e Ascona il jazz, Arona è la tappa dedicata al teatro in una simbolica “via d’acqua dell’arte” lungo l’idrovia Locarno-Arona-Milano, un tempo via di trasporto per persone e cose – si pensi ad esempio al trasporto del marmo di Candoglia per la realizzazione del Duomo di Milano – e ora anche di idee e pensieri con l’ambizione di andare a teatro in barca, in vista di Expo 2015.

Il TEATRO SULL’ACQUA è un progetto unico e ambizioso, che ha l’obiettivo di trasformare il lago in un gigantesco palcoscenico per produzioni teatrali e spettacoli ideati per essere messi in scena esclusivamente sull’acqua, in un contesto paesaggistico davvero unico, all’ombra della rocca di Arona e del Colosso di San Carlo Borromeo.

Si comincia il 10 settembre, prima nazionale di BAKUNIN, (l’anarchico russo rifugiatosi sula sponda svizzera del Lago Maggiore), scritto da Dacia Maraini, regia di Hervè Ducroux, con il coinvolgimento di venti comparse locali, oltre dieci barche e un pontone galleggiante.

Uno spettacolo con una scenografia “liquida”, in continuo movimento, legata al ritmo delle onde del lago, e con repliche ogni volta diverse e uniche.

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni

Appuntamento in giallo a Cantello (VA) il 13/04/2012

Salone municipale
Comune di Cantello (VA)

Piazza Monte Grappa, 1
www.comune.cantello.va.it
Ingresso libero e gratuito

VENERDI’ 13 APRILE 2012 ore 21,00

ANDREA VILLANI
http://www.andreavillani.it

Andrea Villani scrive per il teatro, per la radio e la televisione. Ha pubblicato diversi racconti per antologie, riviste e quotidiani. Tra cui Gazzetta di Parma, La Repubblica e Giallo Mondadori. Ha già pubblicato, per altri editori “La notte ha sempre ragione” e per Mursia “La strategia del destino”. Conduce festival letterari, talk show televisivi e un programma radiofonico. E’ stato diverse volte ospite, in qualità di scrittore, a Rai2, Rai Notte, Rai Radio1 e Rai Radio2. Da questo romanzo biografico ha adattato lo spettacolo teatrale “Lutring!” interpretato da Giorgio Biavati.

LUCIANO LUTRING, LA VERA STORIA DEL SOLISTA DEL MITRA

La vita vera dell’ex criminale Luciano Lutring, detto il solista del mitra, che, negli anni sessanta, fu considerato il “pericolo numero uno” sia in Italia sia in Francia, e ora apprezzato artista, raccontata all’ amico scrittore Andrea Villani, che ne ha raccolto, tra una cena e l’altra, tra un sigaro e una grappa, le emozioni, i dolori, i sentimenti, i precipizi, e la rinascita, per farne un romanzo. Si tratta di un romanzo in quanto narrato come tale. Nel quale però i fatti e le avventure sono autentici. Villani ha voluto scendere sino in fondo all’inferno di Lutring, un uomo fatto prima di tutto d’amore, scivolato in un dramma denso di sciagure agghiaccianti, ma anche di aneddoti divertentissimi. Una vita fatta di salite, curve e discese troppo ripide. Inverni interminabili che arrivavano all’improvviso. Alla fine di estati troppo calde. Attraversando la Vigilia di Natale del 1930, la notte in cui si conobbero i genitori dell’ ex solista del mitra, Villani ci restituisce l’essenza autentica dei fatti mediante una storia che ha emozionato, prima di tutti, lo stesso Lutring.

L’evento è presentato da Paolo Franchini e rientra nella rassegna “Voltiamo Pagine 2012″ organizzata dal Comune di Cantello (VA) e dall’Associazione Urca.

Nel corso della serata verrà proiettato il cortometraggio noir “L’uomo col toscano” (www.luomocoltoscano.tk), nel quale compare anche il “solista del mitra” nei panni di se stesso.

18 commenti

Archiviato in Eventi a tinte forti, News, segnalazioni, recensioni, etc.