Archivi tag: racconti

PASSATORI, CONTRABBANDIERI E ALTRI RACCONTI di Sergio Scipioni

Diciannove racconti che ripercorrono, a ritroso, l’autobiografia dell’autore e le stagioni della vita di ognuno.

Due età si confrontano, in particolare: quella del candore del bambino di campagna, delle origini radicate nel cuore del cuore dell’Italia contadina e lavoratrice degli anni ’50, e quella della maturità di uomo realizzato, perfettamente a suo agio negli incantevoli paesaggi di Brusimpiano e dintorni, che hanno accolto l’autore quando cominciò da allievo la sua carriera nella Guardia di Finanza.

In mezzo la vita di tutti i giorni, che a saperla guardare con curiosità e con il cuore aperto, non è mai ordinaria. Tutt’altro. Ricordi di un’infanzia semplice e sana, trascorsa in una terra fiera e bellissima, fra persone piene di dignità e alla luce di valori saldi, che non tramontano.

Impressioni di una giovinezza presto sfumata nell’età adulta, quando il lavoro porta il protagonista lontano dai luoghi natii.

Avvincenti aneddoti attinti alle quotidiane avventure del finanziere alle prese con i personaggi del contrabbando romantico, e ai racconti di passatori, fuggitivi e migranti di ieri e di oggi.

Nel primo dei racconti della raccolta, la toccante testimonianza di un passatore della provincia di Varese, che riuscì a salvare, trasportandole oltre confine, diverse famiglie di ebrei, perseguitati durante la dittatura nazista.

Sergio Scipioni nasce a Magnalardo, frazione di Rocca Sinibalda (Rieti) il 18 maggio 1950. All’età di diciotto anni si arruola nella Guardia di Finanza. Dopo il corso allievi, viene destinato in Valceresio ed inizia subito la sua esperienza nella lotta al contrabbando vivendo le prime avventure che hanno ispirato i suoi racconti. Storie di Confine e di Contrabbando ha ispirato la drammaturgia della pièce teatrale Rimanendo sul Confine di Stefano Beghi. 

1 Commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni

L’ORA DEL DIAVOLO di Alessio Del Debbio

L’ora del diavolo è un’antologia di racconti fantastici ispirati a leggende e tradizioni della zona delle Alpi Apuane, Versilia e Piana di Lucca, rielaborate in forma romanzesca. Si tratta di tredici racconti autonomi, che non si escludono a vicenda e che, anzi, sono ricchi di riferimenti a personaggi o situazioni presentati in altre storie, in modo da creare uno stesso universo narrativo e generare, quindi, un filo conduttore che attraversa l’antologia stessa.

Numerose le leggende locali utilizzate nella creazione dei racconti, prevalentemente incentrati o legati alla figura del diavolo, come corruttore di anime, mercante di sogni, sobillatore e firmatario di patti che impegnano gli uomini in cambio di qualche servizio reso loro dal maligno.

Qualche esempio? La storia di Lucida Mansi, della Busdraga di Camaiore, l’edificazione del Ponte del Diavolo (a Borgo a Mozzano), le figure degli streghi, dei Serpenti Volastri, della Serpe Regola, dell’Omo Selvatico, il gigante del Monte Freddone, la mandragola del Procinto, le fate di pioggia, le sirene, il linchetto, i buffardelli, l’ombra di fumo, la grotta del Senicione e via dicendo.

Tredici storie, tredici strade che ci portano dritti nelle tenebre, nei luoghi oscuri e misteriosi delle Alpi Apuane, in Versilia e nella Piana di Lucca. Leggende e antiche credenze sono amalgamate in racconti dalle sfumature inquietanti e fantastiche, con magia e speranza che si intrecciano facendo luce sugli aspetti più crudi della natura umana. Il diavolo si insinua nelle vite degli uomini, li tenta e li inganna: ma da sempre è l’uomo stesso a invocarne la presenza per godere di favori altrimenti inappagati e impossibili da soddisfare. L’ora del diavolo rielabora l’eterna lotta tra il Bene e il Male: bontà e forza di volontà contrapposte e furbizia e malvagità.

Viareggino, Alessio Del Debbio (www.alessiodeldebbio.it) ha pubblicato il romanzo “Oltre le nuvole – storie di amici” nel 2010, il fantasy distopico “L’abisso alla fine del mondo”, nel 2014, e il romanzo young adults “Anime contro”, nel 2015. Dal 2015 collabora con il portale di letteratura fantastica “Lande incantate” in cui scrive recensioni di romanzi fantasy contemporanei e cura le rubriche “Alla luce della luna”, dedicata ai licantropi, e “Leggende urbane”, sugli urban fantasy. Nell’estate 2015 organizza, assieme alla scrittrice Elena Covani, la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari presso il Bagno Paradiso di Viareggio, per far conoscere autori toscani. Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori emergenti di letteratura fantastica italiana. Numerosi suoi racconti sono usciti in antologie e riviste.

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni

Il corto letterario e l’illustrazione: ecco la decima edizione del concorso

concorso-home-W

Per leggere e scaricare il bando dal sito del Cavedio di Varese, il clic giusto è questo: http://www.ilcavedio.it/images/Concorso2014/bando-concorso-corto-2014.pdf

Lascia un commento

Archiviato in News, segnalazioni, recensioni, etc.

MUTAZIONI di Michael Laimo e Stefano Fantelli

MUTAZIONI
Con racconti di Michael Laimo e Stefano Fantelli
Collana Incastri, Nero Press Edizioni

Nero Press Edizioni inaugura una nuova collana, Incastri, che si prefigge di essere punto d’incontro interculturale tra la narrativa italiana e quella internazionale. Il volumetto, intitolato Mutazioni, per via dei temi trattati, è confezionato in un innovativo taglio bi-fronte e si compone di due racconti: Cinque minuti di video, firmato Michael Laimo, e Incantevole, di Stefano Fantelli.

La traduzione del racconto di Laimo è stata affidata al nostro Marco Battaglia, che si è occupato anche di stendere una prefazione esplicativa degli intenti della casa editrice nel varare questa nuova collana.

Laimo e Fantelli ci presentano due storie a tinte forti, disturbanti, costruite su temi sociali attuali, popolate da creature da incubo, allo stesso tempo vittime e carnefici, che non dimenticherete facilmente. Due racconti, due modi diversi di interpretare un tema caro alla narrativa horror come quello della mutazione. Il confronto tra un autore di respiro internazionale come Michael Laimo e Stefano Fantelli, grande penna del fantastico italiano. Un confronto che non è una gara ma un “incastro”, non solo nell’idea dell’accostamento ma anche nella forma del libro: un tascabile “reversibile”. Una mutazione del libro stesso, arricchita dalle splendide ed evocative illustrazioni di Roberta Guardascione (del gruppo Electric Sheep Comics), anche autrice dell’immagine di copertina.

PREFAZIONE di Marco Battaglia – Siamo tutti the Elephant Man?

Una bellissima Anne Bancroft, nel ruolo di Mrs. Kendal, poggia la mano su John Merrick e dice: «Oh, signor Merrick, lei non è affatto un uomo elefante».

«No?».

«No, lei è Romeo».

Questo era John Merrick (o meglio, Joseph Carey Merrick), the Elephant Man, piagato da una terribile deformità esteriore ma caratterizzato da una profonda delicatezza e sensibilità interiore, contrapposta alla brutale superficialità della società vittoriana del XIX secolo. Siamo già lontani dall’idea greca di deformità fisica accompagnata sempre alla deformità morale, eternata in letteratura dalla figura di Tersite.

Anche nel libro che avete tra le mani, ci troviamo di fronte al tema del “diverso” e del “deforme”, tanto caro alla letteratura di genere e che si conclude sempre con la medesima domanda: chi è davvero il mostro?

Perché ciò che è “diverso” spaventa tanto? Forse perché costringe a porsi delle domande su noi stessi. Domande di cui temiamo la risposta. È il presagio della parola latina monstrum, il segno divino di un’imperfezione che vediamo negli altri, ma che è tutta nostra.

“Gooble gobble la accettiamo, la accettiamo, una di noi, una di noi”, cantavano i freaks di Tod Browning nel 1932, rivolti alla bella (ma immorale) trapezista Cleopatra. Ma è la prospettiva a essere sbagliata. Non esiste il “noi”, come non esiste il “loro”. Siamo tutti freak, portiamo tutti delle deformità che, quando non riguardano il nostro corpo, affliggono la nostra anima, la profondità della nostra psiche.

Il dubbio che dobbiamo porci sta dunque nel significato di forma e deformità, fisica e mentale. Non si tratta forse di concetti arbitrari, stabiliti da una maggioranza e derivati dall’osservazione di ciò che solitamente accade, di ciò che consideriamo “normale” solo perché nella vita ricorre più volte rispetto a quanto considerato “anormale”? Normalità e forma così intese sono concetti semplicemente volti a tracciare una linea di demarcazione, che faccia sentire meglio chi sta da un lato e peggio chi sta dall’altro. Forse arriverà il giorno in cui abbandoneremo tale linea e capiremo che non serve a nulla.

In questo volume troviamo la scrittura intensa di Michael Laimo, autore americano che ha ricevuto molti riconoscimenti negli Stati Uniti ma ancora poco noto in Italia. Laimo viene affiancato in questo incontro/scontro da uno degli autori più capaci del panorama dell’orrore italiano, Stefano Fantelli, che persegue le sue ispirazioni horror e splatter fino alle loro estreme conseguenze, senza mai addolcire la pillola. Ai due autori spetta il compito di inaugurare questa nuova collana Nero Press, che muove dall’idea di gettare un ponte tra la scena horror italiana e quella straniera, così da mostrare agli esterofili che la letteratura di genere nostrana cammina da sempre sulle proprie gambe, e agli italofili che il mercato straniero offre altro rispetto ai soliti noti e alle produzioni per teenager.

Da questo progetto è nato dunque un libro diverso, lontano da consuetudini di forma e contenuto del resto del mercato editoriale. Un freak che spero verrà accolto dai lettori nel migliore dei modi.

BIOGRAFIE DEGLI AUTORI

Michael Laimo. Nato nel 1966, Michael Laimo ha scritto numerosi romanzi horror, tra cui Atmosphere e Deep in the Darkness, entrambi nominati per il Bram Stoker Award. La sua produzione di racconti brevi è stata raccolta nei volumi Demons, Freaks, and Other Abnormalities, Dregs of Society e Dark Ride.

Dai romanzi Dead Souls e Deep in the Darkness, NBC/CHILLER ha tratto due film, di cui il primo uscito nel 2012 e il secondo in uscita per il 2014.

In Italia è stato pubblicato nel 2005 Dal Profondo delle Tenebre (Deep in the Darkness) per i tipi di Gargoyle Books.

Il suo sito è: http://www.laimo.com

Stefano Fantelli. Ha pubblicato le raccolte di racconti Alla fine della notte (Mobydick, 2003), Dark Circus (Cut-Up, 2009) e Io sono il Brujo: Confessioni di uno stregone (Mezzotints Ebook, 2013), le graphic novel El Brujo Grand Hotel (Cut-Up, 2010), Zombie Paradise (UniversItalia, 2013), The Cannibal Family (Inkiostro Edizioni, 2013), Il numero uno (Inkiostro Edizioni, 2014), La maschera di carne (Inkiostro Edizioni, 2014) e il romanzo Strane ferite (Cut-Up, 2012). Il suo e-book Bambine cattive (La Tela Nera, 2004) ha avuto più di 50.000 download.

Ha curato le graphic novel Bloodymilla di Barbara Baraldi (Delos Books, 2011) e Morbo Veneziano di Danilo Arona (Cut-Up, 2011). Attualmente sta lavorando come sceneggiatore per il rilancio della rivista horror cult Splatter.

Non si sa nulla di ciò che tiene seppellito in giardino.

MUTAZIONI è ordinabile in prevendita a 6,50 euro incluse le spese di spedizione fino al 30 aprile 2014 direttamente nello Store dell’editore: http://nerocafe.net/nero-press/nero-store/

Dopo tale data sarà disponibile su tutti gli Store online e ordinabile in libreria. Prezzo di copertina: 8 euro.

Per info: redazione@nerocafe.net

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni