Archivi categoria: Le Vostre segnalazioni

Letter and letters, un mese d’arte

Verena Daldini “Letter & Letters” sarà visibile dall’11 settembre al 10 ottobre 2017 presso gli spazi della 9m2 gallery di Morcote.
Il catalogo è come sempre disponibile in galleria e le visite guidate si possono prenotare su appuntamento.
Presentazione esposizione a cura di Walter Ghidini:
Il linguaggio di Verena non si esaurisce sulla superficie delle sue immagini ma, se compreso, le trasforma, le trasgredisce in una sorta di continuità metamorfica che fa acquisire loro una tessitura insolitamente barocca, proprio per quel caratteristico e continuo involversi in indistricabili labirinti psicologici.
Il lavoro della sua arte è uno scavare interiore, a dismisura, dentro la stessa materia del sensibile e del visibile, fin dentro le similitudini sepolte, invisibili, finché qualcuno non le segnali, ed è proprio perché qui la verità è caduca e basta un alito di vento a spazzarla via che dobbiamo fidarci di essa, altrimenti al suo posto troveremmo solo apparenza.
La tramatura della forma pare dimostrare una volontà espressionistica, forme e cromie sembrano appartenere di diritto al più convinto cubismo grafico e pittorico, ma in realtà il lavoro di Verena viaggia nella direzione della sperimentazione continua che non si omologa a nessuna corrente specifica.
È un gioco, è il gioco delle velature e delle trasparenze che interessa maggiormente l’artista che porta avanti una ricerca continua giocata sulla percezione visiva e materica, come riverbero tattile della poesia della vita.
Alla pittura astratta, che si è fatta anche materica, l’artista sovrappone, alternandole, linee informi e alfabeti fantastici che rassodano l’immagine in giochi visivi raffinati, in un costante e nuovo contrappunto tra interiorità ed esteriorità della visione. Il clima espressivo rimanda a regioni interne della sensibilità e della coscienza, chiuse e impenetrabili, sigillate dal silenzio.
Comincia qui il viaggio tra le simbologie che Verena ci propone, a volte nette a volte sottintese, segno-simbolo di una dicotomia tra la proiezione esterna del sé e il più discosto mondo intimo, sofferto e segreto, luogo di scandagli di una brillante penombra.
Biografia Verena:
Verena Daldini-Hug è nata e cresciuta a Mettmenstetten nel Canton Zurigo.
Ha lavorato nel settore bancario diversi anni trasferendosi in Ticino dopo il matrimonio.
Si è sempre interessata alla pittura iniziando a dipingere su ceramica e porcellana passando in un secondo tempo all’acquarello.
La sua curiosità alla ricerca di stimoli nuovi l’ha portata poi alla tecnica mista su cartone,legno e tela. Ha seguito diversi corsi, fra cui quello con Dina Moretti, in Ticino e oltre Gottardo.

Organizzazione:: Katia Mandelli Ghidini

Per informazioni: : katia@9m2.gallery

Sito web:: http://www.9m2.gallery

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni, News, segnalazioni, recensioni, etc.

Tra acqua e cielo a Morcote (CH)

Dal 3 agosto al 27 agosto 2017 Katia Mandelli Ghidini espone presso la 9m2 gallery di Morcote.

Domenica 27 agosto 2017 dalle ore 10 alle ore 12 è previsto un finissage alla presenza dell’artista.

Le fotografie esposte sono numerate, firmate dall’artista e con certificato di autenticità.
La serie è inoltre limitata a 7 esemplari più 1 PDA (prova d’autore).

Tutte le immagini sono stampate in formato 60x80cm.
Il catalogo è disponibile in galleria.

Visite su appuntamento telefonando a Katia 076 336 99 08. Ulteriori informazioni sul sito http://www.9m2.gallery

Durante il finissage dell’esposizione verranno inoltre presentati i nuovi corsi di fotografia con le date per l’autunno 2017 ed i nuovi corsi creativi (carta fatta a mano e rolling art).

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni, News, segnalazioni, recensioni, etc.

Un libro al tramonto, il ritorno

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni

Lago Filmfest, edizione 2017

Dal 21 al 29 luglio
torna per il tredicesimo anno consecutivo Lago Film Fest,
il festival di cinema indipendente e arte contemporanea che ha saputo trasformare il piccolo borgo di Lago – comune di Revine Lago, in provincia di Treviso – nella
cittadella del cinema più importante d’Italia
e vista dall’Europa come un modello da imitare.

La nuova edizione è stata presentata alla stampa questa mattina, giovedì 29 giugno,
in conferenza alla presenza dell’Assessore al Turismo della Regione Veneto, Federico Caner, di Michela Coan, Sindaco di Revine Lago e che ha visto l’intervento di Viviana Carlet e Carlo Migotto, rispettivamente direttore artistico e direttore generale di LFF.

Al ricca
selezione di film in concorso,
selezionati tra i più di tremila film provenienti da ottantasei paesi del mondo, si aggiungono un palinsesto di performance di
danza contemporanea
(ormai un vero e proprio festival nel festival), le proiezioni speciali
e i focus tematici (spicca quello dedicato al cinema canadese); e inoltre il cartellone di
concerti, i laboratori
per adulti e bambini,
gli incontri e le
degustazioni. Nove giorni
molto intensi con un programma che inizia al mattino con gli incontri con l’autore, prosegue al pomeriggio con i laboratori e gli incontri, per sfociare poi la sera (dalle ore 21:OO) con le proiezioni e i concerti.
Commenta
Viviana Carlet, direttrice
artistica e fondatrice del festival: “La chiave del successo del festival è il livello artistico molto alto
dei contenuti proposti, frutto di un anno di ricerca, unito alle location suggestive
del centro storico di Revine Lago che rende il festival un’esperienza unica, capace di attrarre un pubblico eterogeneo”. Continua la Carlet: “Il festival è cresciuto, cambiato e maturato ma il sogno resta quello delle origini: ho immaginato
la gente del mio paese portare fuori le sedie di casa e scendere in cortile o giù fino in riva al lago per vedere
qualcosa di nuovo, qualcosa che qui non si era mai visto prima – un cinema sotto le stelle”.
Carlo Migotto,
direttore generale del Lago Film Fest, commenta: “Paesaggio, interazione, contaminazione e comunità. Sono le parole chiave che riassumono il processo creativo che sta alle spalle del festival”.

L’appuntamento a Revine Lago, dal 21 al 29 luglio 2017.

Il regista rivelazione dell’anno, il creatore
di animazioni finlandese e il nuovo volto di NEMO, trasmissione di Rai Due: ecco la giuria della tredicesima edizione.
Non poteva mancare una giuria internazionale d’eccezione, avrà l’arduo compito di
premiare i migliori film in competizione. Quest’anno composta dal regista italiano Alessandro Aronadio,
autore di Orecchie
presentato in anteprima mondiale alla
73a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nell’ambito di Biennale College; il videomaker franco-svedese
Maximilien Van
Aertryck
trionfatore della sezione sperimentale
Nuovi Segni nella
scorsa edizione di Lago Film Fest e l’animatore finlandese Joni Mannisto.
Ultimi ma non per importanza, l’attrice e conduttrice televisiva di
Nemo-nessuno escluso
(Rai Due)
Selenia Orzella e il
regista Fabio Masi,
autore del film- documentario Il Decalogo di Vasco.
Madrina d’eccezione di questa tredicesima edizione sarà l’attrice italiana
Silvia D’Amico (Orecchie,
Non essere cattivo e
Squadra Antimafia)
che torna a Lago dopo aver fatto parte della giuria internazionale di LFF XII.
Alla giuria internazionale si aggiunge come ogni anno la
giuria popolare (è possibile
iscriversi attraverso il sito del festival) che assegnerà il premio del pubblico, e la giuria dei bambini
che assegnerà invece il premio UNICEF.

Per scoprire in anteprima tutte le novità della prossima
edizione scarica la cartella stampa completa su http://www.lagofest.org/press
A breve verrà pubblicato sul nostro sito il
programma integrale.

Lascia un commento

Archiviato in Le Vostre segnalazioni, News, segnalazioni, recensioni, etc.